Quale facile camminata, di sole 3 ore, ti permette di scoprire il fascino di suggestive cascate naturali e la bellezza di incontaminati laghetti alpini, attraversando boschi incantati e caratteristici alpeggi valdostani?

L’itinerario che ti consegniamo segue un facile sentiero escursionistico E, ubicato poco distante dall’abitato turistico di La Thuile, in direzione delle tre cascate rutorine, dei numerosi laghetti alpini e del maestoso ghiacciaio del Rutor.

Il percorso, percorribile in primavera, estate e autunno da giovani e adulti con amici a quattro zampe al seguito, offre la magia di rimanere incantati nell’osservare prati erbosi e tratti boschivi tingersi di molteplici colori, dal verde al giallo al rosso.

Rododendri in fiore, succosi mirtilli lungo il tragitto, la melodia del corso d’acqua sottostante, allietano la vista, il palato e l’udito.

Giochi di luce rendono incantevoli i tre suggestivi salti d’acqua ed esaltano la particolarità dei laghetti alpini.

Il tracciato

La partenza della camminata è ubicata in località La Joux (1594 m slm) a circa 3 chilometri dal capoluogo.

Lasciata l’auto nel parcheggio adiacente il Bar della Cascate, bisogna seguire la segnavia alta via 2.

Ecco alcuni dati:

  • Dislivello Bar delle Cascate – rifugio Deffeyes 906 m;
  • Altitudine rifugio Deffeyes 2500 m slm (GPS 45°40’31.3” N 6°59’09.9” E) alta via 2;
  • 1° cascata a 1700 m slm segnavia 3;
  • 2° cascata a 1850 m slm segnavia 3;
  • 3° cascata a 2000 m slm segnavia 3;
  • Tempo di salita sino al rifugio 3 ore circa;
  • Lac du Glacier 2143 m slm;
  • Laghetto inferiore 2388 m slm.

Il primo tratto si presenta poco scosceso lungo il torrente, che viene attraversato, dopo pochi minuti, mediante un moderno ponte in legno, per poi salire delicatamente verso la balconata panoramica della prima cascata.

Il tragitto prosegue, sempre all’interno del bosco di conifere, con un primo tratto più ripido sino a Parcet, per poi ritornare più dolce fino a giungere ad un ponticello in legno.

Il sentiero, a tratti lastricato, da questo punto sarà sempre in salita (con l’ausilio di gradoni) e ti porterà ad incontrare le indicazioni per la seconda e poi per la terza cascata.

In prossimità della terza cascata è stato creato un moderno ponticello metallico, attraversando il quale, vieni accarezzato dalle rinfrescanti goccioline di acqua nebulizzata che generano un meraviglioso arcobaleno.

Si continua a salire sino ad incontrare il bivio per il vallone di Bella Comba (a destra segnavia 8) e per il rifugio Deffeyes (a sinistra segnavia alta via 2).

La salita verso il rifugio Deffeyes si svolge all’interno del bosco sino al pascolo in prossimità del lago Lac du Glacier per poi continuare, con più vigore sul versante di sinistra, lungo il pendio erboso sino al rifugio.

Il rifugio Deffeyes, collocato su di un promontorio roccioso, offre una meravigliosa vista sul ghiacciaio del Rutor, sul sottostante lago inferiore (2388 m slm) e sulla catena del Monte Bianco.

Al rifugio è possibile gustare i tipici piatti valdostani nonché pernottare e godere dell’alba e del tramonto in quota; da segnalare che durante la chiusura del rifugio, è possibile accedere alla Winter Room.

Nel periodo estivo è possibile percorrere il giro ad anello dei laghi rutorini, mentre nei periodi primaverili e autunnali, in relazione alla situazione di innevamento, è possibile raggiungere i laghetti verde, grigio e superiore come documentato nel nostro video.

Per aiutarti ad organizzare il tuo viaggio alla scoperta di questa magica location, ti suggeriamo inoltre di consultare le webcams del comprensorio di La Thuile e la webcam del rifugio Deffeyes (quest’ultima attiva durante l’apertura del rifugio).

Il video che abbiamo girato per Te, a inizio novembre 2020, ti permette di cogliere la bellezza di questi luoghi incantati, al cospetto del maestoso ghiacciaio del Rutor, dove regnano pace e silenzio.

Ma raccontaci un po’ di TE.

Hai già fatto questa camminata?

Condividi la tua esperienza lasciando un commento qui sotto.